[Abstract] Su Michele arcangelo e la viverna

Lo scopo del saggio è quello di relazionare positivamente gli elementi presenti nella raffigurazione di Michele che trionfa sul drago. L’immagine che ci interessa analizzare è quella proposta in doppia versione da un artista contemporaneo, che ha il pregio di discendere dalla tradizione delle figurazioni della stessa specie e allo stesso tempo di dire qualcosa di nuovo. Si è comunque dell’idea che la relazione positiva dei termini dell’immagine non debba in alcun modo celare il lato negativo della situazione rappresentata, bensì svolgerlo. Vengono analizzati quindi sia gli elementi nell’unità che formano in coppia, sia nella loro individualità, con un modo di procedere tipicamente speculativo e dialettico. Alfine viene individuata un figura che dona senso alla loro stessa relazione; figura che viene in verità proposta anche come catalizzatrice universale di ogni rappresentazione del dualismo, in generale ed in particolare. Il simbolismo proposto è frutto di originali speculazioni, tiene comunque conto del mitologema come sorto nell’antichità: viene soprattutto descritta una situazione analoga che risiede nell’immaginario e nel pensiero teologico egizio, senza ipotizzarne però una ascendenza diretta o indiretta. L’appendice apporta un ulteriore contributo a questo nesso trovato. 

 

 

Abstract eng:
The aim of the essay is to relate positively the elements in the image of Michael triumphing over the dragon. the picture we want to analyze is the one proposed in two versions by a contemporary artist, which has the advantage to descend from the tradition of representations of the same species and at the same time to say something new. The positive relationship of the terms of the image, however, should not in any way conceal the negative side of the situation represented , but go through with. Both elements are analyzed in pair or singly, but always dialectically, until is it possible to locate a figure that seals their relationship itself, capable of resolving the ground of stagnancy of the representations dichotomous. The symbolism proposed is the result of original speculations, but also takes into account the mythologeme as arose in antiquity: it is mainly described a similar situation that resides in the imagination and in the egyptian theological thought, without , however, hypothesize a direct or indirect ancestry. The appendix provides a further contribution to the link found.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Licenza Creative Commons
I contenuti di questo sito sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.